Menu

Scossa di terremoto di magnitudo 2.4 a Marina di Camerota

  • Pubblicato in Cilento

terremoto cilentoMARINA DI CAMEROTA. Trema la terra a Marina di Camerota. Intorno alle 18.22 di ieri, infatti, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 2.4 della scala Richter, con epicentro nelle acque di Marina di Camerota. La scossa si è verificata ad una profondità di 263.4 chilometri. Il sisma è stata avvertito dalla popolazione tanto che cittadini e turisti si sono riversati in strada ma non si registrano danni a persone o cose.

Leggi tutto...

La Piana del Sele torna a tremare. Scossa di magnitudo 3.1

piana del sele terremotoPIANA DEL SELE. La Piana del Sele torna a tremare. Ieri sera verso le 20.49, l’INGV ha registrato una scossa di magnitudo 3.1 della scala Richter. Successivamente sono state registrate nuove scosse di magnitudo inferiore. L’epicentro è stato individuato poco a nord di Battipaglia e a sud di Salerno, con una profondità di 7.2 chilometri. L’evento sismico è stato avvertito dalla popolazione, segnalazioni sono giunte dai luoghi con chiamate anche ai vigili urbani ed ai vigili del fuoco. Non si sono verificati danni a cose o persone.
I comuni prossimi all’epicentro del terremoto sono stati Altavilla Silentina, Campagna, Controne, Contursi Terme, Postiglione e Serre. La scossa è stata avvertita lievemente anche a Senerchia, Acerno, Albanella, Aquara, Battipaglia, Capaccio, Castelcivita, Castel San Lorenzo, Colliano, Eboli, Olevano sul Tusciano, Olveto Citra, Ottati, Palomonte, Roccadaspide, Sicignano degli Alburni e Valva. Nel corso della giornata erano già state registrate altre scosse di lieve entità nel Sud Italia.

Leggi tutto...

L'estate trema in tre regioni

golfo di policastroGOLFO DI POLICASTRO. Il confine lucano fa ancora tremare i cuori di abitanti e turisti, tra l' oscillatorio e il sussultorio. Nelle prime ore del mattino del 29 giugno alle ore 6:24 un sinistro boato ha svegliato cilentani e lucani per fortuna senza danni a persone o cose. Si è registrato un epicentro in mare alla profonditá di 8,5 km con magnitudo 3,9. Quando ci si iniziava a chiedere un' ora dopo se fosse il caso di recarsi in spiaggia quel mattino, si avverte un nuovo fenomeno, meno intenso 2,8 ma più duraturo. Pare che le scosse siano state avvertite oltre che in tutta la loro potenza a Sapri, ben fino a San Giovanni a Piro, Policastro, Ispani, Vibonati e Torraca per la Campania. Per l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, la zona sismica è stata identificata come "Costa calabra occidentale" con epicentro nelle coordinate geografiche 39, estendendosi così a tre regioni marittime: Campania, Basilicata con la sola Maratea e Praia a Mare per la Calabria.

Leggi tutto...